ASTROTEDDY02
7 Aprile 2018
Inverno e Monteleone (PV)

Chi è. . . anzi, cos'è Astroteddy?

UN PROGETTO SCIENTIFICO A MISURA DI BAMBINO
Astroteddy è un progetto scientifico
ideato e creato da Matteo Toffanin.
Teddy
Teddy

Teddy è un pupazzo di piccole dimensioni (solo 13 cm di altezza), scelto dai bambini per le sue caratteristiche (è ispirato agli astronauti della Nasa), da inviare nello spazio insieme al modulo Astroteddy.

READ MORE
Il modulo
Il modulo

Il modulo è costruito con un therm box in polistirene espanso a pareti da 30mm di spessore e una struttura in fibra di carbonio. All’interno del therm box sarà posizionato il sistema di alimentazione dei vari componenti elettronici che, in parte, saranno posti all’esterno.

READ MORE
Il pallone sonda
Il pallone sonda

Un “pallone sonda”, gonfiato ad elio puro 99%, avrà il compito di trainare il modulo alla quota stabilita in fase di progettazione, quindi sino alla sua esplosione dovuta alla mancanza di pressione esterna.

READ MORE

Astroteddy02

DETTAGLI DEL MODULO

La missione

QUANDO TUTTO E' INIZIATO

Astroteddy è nato come progetto scientifico, il cui scopo era inizialmente quello di realizzare e riportare sulla Terra immagini video e foto dalla stratosfera ad una quota di oltre 30 km di altezza.

Il progetto è andato poi via via modificandosi nel tempo aggiungendo, Teddy (un pupazzo astronauta) al modulo, coniugando così l’esperimento al gioco per i bambini, che hanno il compito di inviare nello spazio il loro piccolo amico di peluche e recuperarlo al suo rientro sulla Terra.

_MG_0104

Gli elementi da considerare

I dettagli tecnici, i materiali che sono stati necessari per la realizzazione del modulo, e le soluzione tecnologiche adottate per lanciare Astroteddy nella stratosfera.

La Stratosfera

La Stratosfera è il secondo dei cinque strati in cui è convenzionalmente divisa l’atmosfera terrestre ed è un ambiente estremo sotto molti punti di vista..

Tecnologia a bordo

Nel modulo è presente:
Una videocamera per la registrazione delle immagini foto e video; un computer di bordo per la registrazione dei dati; un tracker gps; 3 sistemi di alimentazione appositamente progettati per temperature estreme; un sistema di riscaldamento a base chimica; un cicalino sonoro.

La Geolocalizzazione

Dove finirà Teddy una volta che il pallone sonda sarà esploso e che causerà l’inevitabile ritorno di Astroteddy sulla Terra? Una delle parti più affascinanti dell’esperimento è proprio quella di calcolare il percorso del modulo in anticipo.

La fase di gonfiaggio

La fase di gonfiaggio è senza dubbio la più delicata ed importante, in quanto la quantità di gas necessaria, va calcolata con estrema precisione, in funzione del peso del modulo e delle sue strutture accessorie, pochi minuti prima del lancio.

ASTROTEDDY02

L'ULTIMA MISSIONE | 07.04.2018

Astroteddy02 è stato lanciato dal campo sporitivo di Inverno e Monteleone il 7 aprile 2018 alle 10:28.

Alle 11:32, raggiunta la quota di 18.000 metri nei cieli sopra Brembio, abbiamo perso il contatto GPS, entrando di fatto nel periodo di blackout.

Gli strumenti di bordo hanno registrato una temperatura minima di -59,5°C.

L’esplosione del pallone è avvenuta alle 11:59 alla quota di 34.447 metri di altitudine, nettamente sopra alla quota di 32.200 metri stimata in fase di progetto e costruzione del modulo.

Subito dopo l’esplosione il modulo ha raggiunto una velocità di caduta superiore ai 200km/h malgrado il paracadute aperto, a causa dell’assenza di aria.

Il contatto GPS è stato ristabilito alle 12:30 sopra Pizzighettone, quando il modulo era ormai a poche migliaia di metri dal suolo.

Il modulo è atterrato alle 12:44 nelle campagne di Pizzighettone.
Il ritrovamento è avvenuto con successo alle 13:09.

Entrambe le videocamere di bordo hanno funzionato perfettamente, dal decollo sino all’atterraggio, riportando a terra foto e filmati che saranno a breve analizzati e pubblicati.

_MG_0286

Vuoi organizzare un lancio spaziale per promuovere il tuo marchio o la tua azienda con un evento unico ed esclusivo? Contattaci!

AUTORIZZAZIONI

AUTORIZZAZIONI NECESSARIE PER IL LANCIO

E’ dovere specificare che, il lancio dei palloni sonda è un’attività del tutto legale e prevista nel codice internazionale ICAO annesso 2 ma che per farlo sono necessarie autorizzazioni di fondamentale importanza, in quanto si tratta comunque di un’attività potenzialmente pericolosa, in quanto inevitabilmente interferisce con il traffico aereo.

Astroteddy01 è stato lanciato solo dopo oltre un anno dedicato alla produzione di documenti e adempimenti burocratici che ci hanno portato ad ottenere ben 3 Notam da parte dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile e altrettanti pareri ATS dall’ Ente Nazionale di Assistenza al Volo.

MALGRADO SI CONFIGURI COME UN GIOCO
E’ QUALCOSA DI ESTREMAMENTE SERIO E COME TALE VA TRATTATO

Alcuni dati

Durante il suo ultimo viaggio, Astroteddy02 riportò sul nostro pianeta,
oltre che a fotografie e video, un enorme quantità di informazioni relative
all’altitudine, alla pressione, alla temperatura ecc.. Eccone alcuni

-59

Temperatura (Grd)

34,447

Altitudine (mt)

71

Pressione minima (mbar)

Sponsor

GOLD

Ringraziamenti

Astroteddy02 è una iniziativa di Matteo Toffanin sostenuta da Studio Pixma con il patrocinio del Comune di Inverno e Monteleone (PV) e la partecipazione degli oratori di Gerenzago, Inverno, Monteleone. Dell’asilo nido di Gerenzago e della Scuola Elementare di Inverno. Partner dell’evento è Sant’Angelo TV.
Un grazie a tutti coloro che hanno dato un contributo alla missione:
Alessio Bertin, Andrea De Benedettis, Antonio Geracitano, Christian D’Andrea, Flavio Bordin, Giancarlo Ritagliati, Giusy Veluti, Jacopo Caserini, Marco Uccelli, Mario Rivara, Massimo Oggionni, Matteo Toffanin, Roberta Bonetti, Xhon Penxho, Silvia Barberis, Simone Isella, Stefano Barenghi, Stefano Pappano, Vittorio Viganò.
Un grazie speciale a PCTekLab che primo fra tutti ha creduto nell’iniziativa.

Ha parlato di Astroteddy il quotidiano
“La Provincia Pavese”


Astroteddy
è l’astronauta di peluches inviato nella stratosfera con un pallone sonda gonfiato a elio da 11 bambini e ragazzi di Gerenzago (Pavia). Il lancio è avvenuto domenica mattina – 3 dicembre – dall’oratorio alle 9.55: Astroteddy ha superato quota 25mila metri ed è ricaduto a terra a 101 chilometri dal punto di lancio dove i mini astronauti lo hanno recuperato con la guida degli ideatori della spedizione (a cura di Damiano Mari). L’articolo

Follow Us